La Tâche, 2011, Romanée-Conti

DuCoq - La Tâche, Romanée-Conti

La Tâche.

Romanée-Conti.

AOC La Tâche Grand Cru.

 

Vitigno: 100% Pinot noir.

 

Terreno, Allevamento e Vendemmia: i vigneti sono raggruppati attorno al villaggio di Vosne-Romanée su terreni ben drenati, disposti ad est e sud-est, che presentano una debole inclinazione, un’esposizione perfetta e un suolo ciottoloso che gli assicura un eccellente drenaggio.

Il suolo è ricco di ferro e calcare su una base di roccia e marna, i vitigni si trovano a 240 metri sopra il livello del mare. L'età media delle viti è molto alta, circa 47 anni, e i vigneti sono coltivati con metodi biologici.

Per coltivare i vigneti di Romanée-Conti sono stati reintrodotti i cavalli, al fine di evitare la compattazione del terreno con l'uso dei trattori. Le uve vengono raccolte più tardi rispetto alla maggior parte dei vigneti in Borgogna e le rese sono molto basse, circa 25hl/ettaro; occorrono in media tre viti per produrre una bottiglia di Domaine de la Romanée-Conti. Le rese sono ridotte attraverso la potatura agli inizi della stagione, e la potatura verde nei mesi di luglio e agosto. Viene effettuata una pulizia anche immediatamente prima del raccolto per eliminare i grappoli al di sotto degli standard. Al momento del raccolto, i grappoli vengono ordinati in piccoli cesti per essere esaminati singolarmente.

 

Vinificazione e Affinamento: i vigneti della tenuta sono gestiti attraverso i principi dell'agricoltura biologica. I trattori di recente sono stati sostituiti da cavalli per ridurre la compattazione del suolo.

In cantina gli interventi vengono ridotti al minimo per permettere una vinificazione del tutto naturale. La fermentazione si svolge a temperature relativamente basse.

La tenuta ha la sua fornitura privata di rovere dalle foreste di Troncais. La maturazione dipende dalla qualità della vendemmia e viene effettuata in botti al 100% nuove. Le barriques devono essere nuove per esaltare le qualità del frutto e per eliminare qualsiasi possibilità di contaminazione che potrebbe derivare da vecchie botti. Non vi è alcuna filtrazione, ma viene utilizzata la tecnica di chiarificazione con l'albume dell'uovo. I vini passano dai sedici ai venti mesi in legno nelle cantine degli antichi monaci di Saint-Vivant prima dell'imbottigliamento.

 

Profilo sensoriale: colore rosso rubino intenso. Al primo naso fuoriescono note speziate, menta e fiori di campo, per lasciare il posto a note fruttate con accenni di liquirizia e di sottobosco. In bocca si presenta deciso, nonostante la giovane età denota una materia già ben integrata. Presenta una freschezza assolutamente impareggiabile con una mineralità spiccata. Un vino dalla grande struttura con equilibrio perfetto tra finezza e potenza. Il finale è interminabile. Un vino incredibile.

 

Suggerimenti: temperatura di servizio 18°.

 

Note: gradazione alcolica 13% vol.

Il vino probabilmente prende il nome dall’espressione “tâcheron”, che designa un contadino che lavora la vigna in cambio di un salario. La Tâche si estende nel comune di Vosne-Romanée, rappresenta la denominazione Grand Cru più a sud dell’intera Côte de Nuits. Appartenne fino alla Rivoluzione francese ai monaci di Saint Denis de Nuits che allora dipendevano dalla diocesi di Autun. Dopo la vendita i nuovi proprietari del vigneto storico, che allora era di circa 1.5 ettari, furono autorizzati ad aggiungere la parte più grande del vicino vigneto “Gaudichots” che già possedevano.

La superficie attuale è di poco superiore ai 6 ettari tutti di proprietà del Domaine Romanée-Conti.

Il Domaine de la Romanée-Conti è alla testa di un patrimonio viticolo senza eguali, 25 ettari che si sviluppano, per lo più, su sette Grand Cru. La storia del Domaine è strettamente legata a quella dell’omonimo Grand Cru. Nacque nel 1760 quando Louis-François de Bourbon principe di Conti acquistò uno dei clos dell’Abbazia di Saint-Vivant a Vosne. Nel 1870 l’intero vigneto, di circa 1,8 ettari, diventa di proprietà della famiglia Duvault-Blochet, che successivamente acquista possedimenti nei Grands Crus di Echezeaux, Grands-Echezeaux, la Tâche e Richebourg.

Nel XX secolo sotto l’impulso della famiglia De Villaine l’azienda conosce una nuova espansione con l’acquisizione di una parcella a Romanée-Saint-Vivant. Oggi il Domaine de la Romanée-Conti è diviso in comproprietà tra le famiglie de Villaine, discendente dai Duvault-Blochet, e Leroy.

© DuCoq 2021   |   Via Cairoli, 11 - Santa Margherita Ligure - Tel. 0185 29 33 51